Tags

, , , , , , , ,

Buon pomeriggio…
In questi giorni, oltre al tempo pazzarello che mi distrugge il fisico, mi è capitata una cosa che volevo raccontarvi.
Un ragazzo che ho conosciuto da poco ha un odore tremendo. Io per non ferire la sua sensibilità non riesco a dirgli niente. Non si sa mai come una persona possa reagire. Così mi è venuto in mente che tempo fa ho avuto una discussione con un amico, ragione o torto che pensavamo magari di avere entrambi, è finita con una glaciale conversazione di chiarimenti. Non credo ci sentiremo più. Io ne sono rimasta ferita, forse non tanto per l’argomento in se ma per il modo in cui si era posto nei miei confronti. Accusatorio. Così, dopo esserci stata malissimo sono arrivata alla conclusione che non possiamo essere perfetti, ma i veri amici lo accettano e lo capiscono gli altri si limitano a non capire e a rigettarti tutto addosso.
Per quanto questo episodio sia lontano anni luce da ciò che mi sta succedendo con il maleodorante ragazzo, so cosa vuol dire urtare la sensibilità altrui così troverò un modo differente per fargli notare il problemino. Non è sua intenzione emanare quel maleodoraccio e non sarebbe giusto rigettarglielo come se fosse la fine del mondo, così adotterò una soluzione alternativa…sperando funzioni.
Nonostante sia ovvio, non tutti riescono ad esporre certi problemi con un certo tatto o solamente con più educazione. I problemi esistono e le incomprensioni pure, ma pensare che l’altro lo faccia con cattiveria o con intenzione ci fa capire quanto poco ci conosciamo e quanto poco bene ci vogliamo.
Meno male che ci sono sempre quelle perle rare che arricchiscono la nostra vita e stanno con noi nel bene e nel male.

Advertisements